0282398056
Via Monte Napoleone 8 20121 Milano
0282398056

SALONE DEI PAGAMENTI REVOLUTIONISE PRESENTE !

Revolutionise presente oggi alla prima sessione del salone dei pagamenti, pronti al lancio di questa nuova piattaforma. Con uno sguardo attento al futuro, il Salone facilita l’incontro tra domanda e offerta per favorire la crescita, divulgare conoscenza e cambiamento, dare spazio al talento, alle competenze e alle persone impegnate nella definizione di pagamenti sempre più sicuri, trasparenti e fruibili.
Qualità e quantità dei contenuti e prestigio dei relatori contribuiscono a coinvolgere un pubblico variegato che può costruire all’interno della manifestazione un’esperienza su misura per le proprie esigenze di conoscenza e curiosità. #paytech #fintech #pagamentidigitali #ecommerce #revolutionise

Mercato dei Servizi di Pagamento

Quali sono i sistemi alternativi di pagamento?

  • Assegno: di tipo “bancario” è un ordine dato alla propria banca, quindi la banca del debitore, di pagare il beneficiario creditore. Un assegno può essere trasferito ad altri solo se si tratta di un assegno “circolare”.
  • Bonifico (SEPA Credit Transfer): ordine del debitore di trasferimento di fondi dal proprio conto corrente bancario al conto del creditore beneficiario. L’ordine avviene indicando l’IBAN del conto corrente del destinatario, al quale arriveranno le somme dopo un massimo di una giornata lavorativa dopo l’accettazione del pagamento.
  • Addebito diretto (SEPA Direct Debit): ordine del creditore alla banca del debitore di farsi accreditare delle somme in maniera automatica, basta conoscere il codice IBAN del conto. Un esempio è l’addebito in conto corrente o sulla carta di credito del piano telefonico. Fino al 2014 questo servizio era chiamato RID (Rapporto Interbancario Diretto), mentre ora si è passati all’SDD. Il debitore può creare delle whitelist e delle blacklist per indicare quali creditori possono richiedere un addebito diretto, altrimenti possono richiedere il blocco totale di questo servizio di pagamento.
  • Carte di Pagamento (carta di credito, di debito e prepagata): sono carte fisiche che permettono il prelievo da sportelli automatici e il pagamento degli esercenti tramite l’utilizzo dei POS (Point of Sale) o di tecnologia NFC (Near Field Communication). La maggior parte di esse deve essere emessa da emittenti vigilati e autorizzati dalla Banca d’Italia.
    • Nelle carte di credito, l’accredito al creditore per un pagamento avviene subito, ma il debitore pagherà tutte le somme ad una data successiva, in una formula unica, con l’aggiunta di un interesse da pagare al circuito della carta di credito. Il trasferimento di fondi al circuito, spesso mensile, può essere fatto con bonifico o con accredito diretto.
    • Con le carte di debito, i pagamenti vengono addebitati sul conto corrente del debitore, quindi è richiesta la presenza di fondi a disposizione.
    • La carta prepagata permette pagamenti e prelievi a fronte di somme pre-depositate, quindi non un conto corrente in cui è possibile aggiungere risorse, ma solo fino all’esaurimento delle disponibilità monetarie. La carta prepagata può essere ricaricabile o non ricaricabile.
    • Le carte a spendibilità limitata possono essere usate solo presso l’emittente, all’interno di una rete di esercizi o per comprare servizi specifici, come i buoni sconto o le carte regalo. Questo tipo di carte può essere emesso anche da soggetti non vigilati.
  • Servizi di Pagamento via Internet (e-payments): spesso legati a servizi di e-commerce permettono di eseguire un pagamento online se le parti dello scambio sono entrambe iscritte allo stesso gestore del servizio. Esempi di questi servizi sono Paypal o Amazon Pay, ma esistono molti altri provider.
  • Servizi di Pagamento in mobilità o su dispositivi portatili (m-payments): sono servizi di pagamenti legati all’uso di App su smartphone o tablet. Tramite l’uso di una carta di pagamento virtuale o grazie all’addebito su piano telefonico permettono il compiersi della transazione. Spesso usano tecnologie di tipo NFC (Near Field Communication) per poter pagare con i dispositivi mobili.

Ultime considerazioni

Tutti i servizi di pagamento descritti necessitano di un’infrastruttura di supporto, di soggetti che permettono la cooperazione tra i vari competitor del settore e di agenti che garantiscano il regolamento dei pagamenti, ossia che vadano a buon fine, come anche di società di servizio che si occupino di servizi informatici, trasferimenti elettronici, emissione delle carte ecc.

L’intero settore quindi si regge tra la concorrenza dei vari operatori che cercano di imporre il proprio sistema di pagamento, e la cooperazione tra di essi, senza la quale non sarebbe possibile sostenere un sistema di pagamenti complesso come quello a disposizione dei consumatori.

La Rivoluzione Digitale è Iniziata!

La tecnologia è un indispensabile supporto per le nostre attività, online e non. 

L’emergenza Coronavirus ci ha insegnato (e ci sta insegnando) quanto il digitale sia fondamentale per trasformare una situazione negativa e difficile in un vantaggio.

Tutti siamo stati costretti a usare il digitale, anche chi non era pronto e non lo aveva mai fatto prima e ora, scoperti tutti i suoi vantaggi, nessuno è disposto a tornare indietro. 

Il lockdown ha attivato una migrazione di massa verso il mondo digitale: business, lavoro, vita, scuola.

La Rivoluzione Digitale 

Una rivoluzione, quella digitale, che in parte era già in atto, ma che il Covid-19 ha accelerato vorticosamente. 

Scoppiata in pochi giorni, si è trasformata in un processo irreversibile: se non sei online non esisti (e non lavori). 

Ci sarà quindi un’ulteriore crescita nell’adozione della tecnologia per essere presenti sul web, per farsi trovare, per pubblicizzarsi e promuovere il proprio business, i propri prodotti o il proprio brand, per creare una community e fidelizzare i clienti, per fare awareness e per vendere di più.

Digitalizzazione delle aziende

Il percorso di trasformazione digitale della propria azienda, la Digital Transformation, è ormai un’esigenza. 

Parliamo della digitalizzazione di tutti i processi: aziendali, produttivi, organizzativi, commerciali e di Marketing. 

Gli obiettivi principali delle aziende, già orientate al digital, sono il miglioramento dei risultati, l’automatizzazione delle attività, il risparmio di costi e tempi e la soddisfazione del cliente.

Le opportunità offerte dalle nuove tecnologie

Grazie alle tecnologie digitali molte aziende sono riuscite a non fermare la loro attività, a comunicare con i loro clienti, a promuoversi, a creare nuove possibilità di business. 

Tutti questi vantaggi, post-coronavirus, non possono (e non saranno) buttati nel cestino, anzi, continueranno a essere indispensabili per lavorare, risparmiare tempo e costi e formarsi. 

E’ quindi necessario ripensare agli investimenti nel settore delle tecnologie, chi non lo farà rischia di essere tagliato fuori dal mercato.

Innovative Payments: l’evoluzione delle abitudini degli italiani

Quello dei pagamenti digitali è tuttavia un trend già presente e destinato ad essere ben più longevo della pandemia. Secondo i dati dell’Osservatorio Innovative Payments della School of Management del Politecnico di Milano già nel 2019 i pagamenti digitali con carta sono arrivati in Italia a quota 270 miliardi di euro, con una crescita annua del +11%, classificando le carte al secondo posto tra i metodi di pagamento (anche online) più utilizzati in Italia dopo i contanti. Alla semplice carta di credito, tuttavia, si affianca un sempre più folto ecosistema di modalità e device di pagamento, che rientrano nel cappello degli Innovative Payments. Sempre in base dai dati dell’Osservatorio Innovative Payments, in Italia nel 2019 hanno raggiunto un valore oltre 3,1 miliardi di euro (+109% rispetto al 2018) e vedono nello Smartphone il loro motore primario, seguiti da Smartwatch e Wearable in generale e anche a Smart TVSmart Speaker e Smart Car.

PAGAMENTI DIGITALI

I pagamenti digitali sono il frutto dell’innovazione tecnologia e di una rete di comunicazione costantemente connessa. Grazie ad essi è stato possibile rendere più rapidi, comodi e moderni gli acquisti dei consumatori. Rientrano in tale categoria anche i pagamenti P2P e quelli effettuati in negozio utilizzando la tecnologia NFC o contactless.

Lo studio Kantar Innovative Payment, di concerto con il Kantar COVID-19 Barometer, grazie ad un’analisi del sentiment dei consumatori e delle derivanti implicazioni per i Brand, ha sottolineato la positiva propensione degli italiani verso gli Innovative Payments che potranno diventare in un prossimo futuro una realtà sempre più diffusa nel mondo dei pagamenti, specie nel presente e nel post pandemia.